A caccia di streghe e di creature del folklore:
il mio viaggio nella provincia italiana.

Paesino dopo paesino, ho mangiato alla tavola di persone ospitali e gentili che hanno placato la mia fame di convivialità e tradizione e la mia sete di storie e di vino buono! Ho stanato così quelle creature mitologiche, la cui storia rischiava di perdersi: le ho illustrate così da lasciarne traccia. Ho incontrato sirene, maghi, il fauno Pan e ho ancora molta Italia da esplorare: nasce così il mio progetto il Bestiario d’Italia.

Copertina Bestiario d'Italia
Caro viaggiatore

Un tempo l’Italia era popolata da creature che oggi definiremmo fantastiche, ma pian piano ci siamo dimenticati di loro. Ora quelle creature vivono in provincia nascoste in Casali abbandonati fra le colline toscane, rintanate sulle scogliere dei golfi o nascoste dietro le tappezzerie dei muri delle case delle nonne di campagna. Alcune di loro, le più ardite, vivono in città mescolate fra noi…

Ascolta la lettera del viaggiatore

A volte basta chiudere gli occhi per iniziare a vedere

Il bestiario d’Italia per tappe

La spina dorsale: volume I

Il primo volume segue la “spina dorsale” dell’Italia: l’Appennino.
Una vera e propria linea che definiva il mio percorso, il mare la mia meta. Ho attraversato 5 regioni italiane in un mese esatto: Toscana, Umbria, Campania, Basilicata e Puglia. Il viaggio parte dalla Liguria, dove ho conosciuto una sirena!

Ho visto i posti più svariati: monasteri arroccati nei boschi come quello della Verna nel Casentino, in Toscana, che è la tana del Badalischio, oppure le grotte dei maghi nelle gravine di Massafra in Puglia.
Ho amato le sconvolgenti dolomiti Lucane, i Laghi di Monticchio sul Vulture dove vive il fauno Pan, ma per vedere Pan ho dovuto rompere una delle regole non scritte del sud: mai uscire durante la controra, ovvero dalle 12 alle 15, poiché si dice che a quell’ora il mondo si popoli di Fauni rapitori di bambini.

Ho danzato con le Janare a mezzanotte fra le colline dell’Irpinia.

Ho spettegolato con le sirene sul porto di Napoli, mi sono perso fra i boschi degli streghi in Garfagnana, ho attraversato incolume il ponte del diavolo in Toscana. Ho camminato fra i vicoli di Perugia, il nido dei grifoni, ho visto volare i draghi sul Lago Trasimeno e ho spiato le Anguane bagnarsi alle Cascate delle Marmore.

Ho incontrato operatori forestali che lavorano in collaborazione con gli Uomini selvatici del Casentino. Ho parlato della natura con un monaco che abita proprio sulla tana del Badalischio. Ho cercato di decodificare il meraviglioso dialetto delle anziane di Napoli, che parlano la lingua delle sirene, ormai anziane anche loro, con le quali danzano sott’acqua una notte al mese, per tornare giovani.

Ti racconto cos’è
Il Bestiario d’Italia – Volume I

Un viaggio in Italia, cinque regioni, una catena montuosa, quattro mari, molti paesini.
Alla ricerca delle creature e dei mostri della tradizione orale italiana.

L’isola del vento: volume II

Il secondo volume si concentra nell’esplorazione di un’isola magica, baciata dal sole e mossa dal vento. La Sardegna è stata una sorpresa: nuraghi, boschi, giganti senza paura, maschere e i fuochi di San’Antonio. In questo secondo volume vi racconto antichi segreti di un territorio che mi ha conquistato.

 

Ti racconto cos’è
Il Bestiario d’Italia – Volume II

Ho cercato le piccole Janas nelle loro case baciate dal sole, esplorato i nuraghi alti e fieri sulle colline di Macomer, passeggiato sulla linea dei Betili, camminato tra i boschi, guardato negli occhi i nostri Giganti senza paura. Ho preso parte alla festa nel paese di Mamoiada per poi ritrovarmi in una cucina ad ascoltare le storie de Sa Mama ‘e Su Sole, o de Juanne de Sette Berrittas stringendo in mano un calice di vino, il migliore.

Mi hanno raccontato delle Maschere, parlare degli uomini che da tali si perdono e cercano la luce attraverso i fuochi di Sant’Antonio nel mese di gennaio.

Un viaggio vissuto, scritto, illustrato

Le sirene - Il bestiario d'Italia - Gabriele pino
Un volume realizzato a mano in tiratura limitata

Il volume è cartaceo, la copertina è tessile, realizzata con una serigrafia artigianale realizzata in collaborazione con Print Club Torino.
Ogni pagina abbonda di elementi: illustrazioni da toccare, una mappa per i tuoi avvistamenti, una lettera al viaggiatore, storie da tramandare e consigli sugli avvistamenti delle creature fantastiche.

 

Il Bestiario d’Italia – Vol.1

Disponibile su prenotazione – 30,00€

Il Bestiario d’Italia – Vol.2

Disponibile in preordine – 30,00€

Offerta 2 volumi 55,00€


Spedizione in Italia inclusa nel prezzo

 

Per ordinare la tua copia del bestiario d’Italia scrivi all’indirizzo e-mail qui sotto, fammi sapere se vuoi una copia del Volume I, del Volume II o una di entrambe i volumi!
Ti ricontatterò per concordare spedizione e pagamento.

Dicono del Bestiario d’Italia

Quello di Gabriele è un segno netto, irriverente e beffardo, proprio come le sue creature. Lo vedi prima del colore, della grana della carta e del racconto che mette in scena, ti colpisce dritto con coordinate precise: si rifà alla grazia delle stampe giapponesi di Hokusai, guarda al segno di Klimt e Schiele, alla semplicità delle forme di Maurice Sendak e alla linea di Jean Jaques Grandville, rilegge Italo Calvino, Roald Dahl e Dino Buzzati, si ispira alla natura e ai racconti contadini. Nelle sue tavole, ogni dettaglio – la fogliolina nell’angolo più remoto del foglio, la piega del vestito, il taglio della bocca che disegna un sorriso furbo – è capace di trattenerti e portarti direttamente dentro la storia. Anche questa è magia.

 

Oriana Picceni – ANDERSEN

 

Gabriele Pino offre ai lettori un punto di vista profondamente consapevole dell’attimo senza tempo in cui il mito si affaccia alla quotidianità…

In un mondo migliore si studia la geografia su libri come questo, andando in gita scolastica in una regione diversa ogni anno.

 

Elena Bottari – Psicomamme

 

 

Segui i miei viaggi nella provincia italiana con l’hashtag #bestiariodItalia
La mostra sempre aggiornata continua anche sul mio profilo Instagram @pinocoteca

Foto del libro di Alessandro Aimonetto